ue-flag

Obiettivo:
Obiettivo principale del progetto, che riunisce organizzazione dell’ economia sociale e sindacati, è quello di sviluppare misure che aiutino a trasformare i rapporti di lavoro precari attraverso:
a) la promozione di condizioni per un lavoro di qualità all’interno delle imprese, e / o
b) offrendo ai lavoratori  precari un’alternativa e delle opportunità di liberarsi da queste condizioni (ad esempio attraverso la creazione di imprese (sociali) basate sulla cooperazione e altri valori dell’economia sociale).
Attività: Concentrandosi in particolare sulla situazione di migranti e giovani lavoratori nel settore dei servizi sociali, i partner
prima di tutto hanno analizzato
a) l’incidenza del lavoro precario sulla vita e le condizioni di lavoro e
b) l’impatto del lavoro precario sullo sviluppo sociale, economico e demografico a livello locale.
Contemporaneamente a livello transnazionale è stata realizzata un’analisi comparata sui quadri legislativi e i tipi di contratti di lavoro, includendo un’analisi di tendenza su rapporti di lavoro e diritti.
In una seconda fase, i partner hanno analizzato e sviluppato misure atte ad agevolare la conversione del lavoro precario in rapporti di lavoro stabili con diritti. Considerando, per esempio, gli strumenti dell’economia sociale (come ad esempio, ma non esclusivamente, la creazione di cooperative), le possibilità di una collaborazione con le autorità pubbliche, la creazione di imprese miste, le diverse forme di collaborazione con agenzie di collocamento e sindacati, ecc.
Territorio: Italia, Svezia, Germania, EU
Target: Il progetto si focalizza sui lavoratori precari nel settore dei servizi sociali, in particolare giovani e migranti
Referenti: Laura Giacomello, Antonio D’Alessandro
Committente: CE
Partner:
REVES aisble (capofila)
Stiftung Pfefferwerk (Germany)
Deutscher Gewerkschaftsbund (DGB) Berlin-Brandenburg (Germany)
– PARSEC Consortium (Italy)
IRES – Istituto Richerche Economiche e Sociali (Italy)
Coompanion Stockholm (Sweden)
LO – distriktet i Stockholms län (Sweden)


Il Progetto è co-finanziato dall’Unione Europea. La responsabilità per quanto contenuto nelle comunicazioni e pubblicazioni è degli autori, la Commissione non è responsabile per l’utilizzo che può essere fatto delle informazioni ivi contenute.